Archivi categoria: Vita vissuta

Riassunto delle puntate precedenti

Europei di calcio:
we will survive

Se dici sì…
devi fare così

Ti sposi?
Ecco la dieta ideale 

Curve pericolose
Gli scivoloni da evitare

Ahi Ahi Ahi…
Lo chiamo Emilio

Primavera non bussa:
tu come reagisci? 

Festa della donna
Un cerino a Fuorigrotta

Mamma o non mamma
Nuove frontiere dell’imbarazzo

In quei giorni…
ma quali?

I cuochi migliori sono maschi.
E chi lo dice? Lui, ovviamente

Annunci

Saldi: regole di sopravvivenza per donne ottimiste

Immagine

Le mie perle di saggezza. Mai più senza!

Piove

Piove ininterrottamente – o quasi – dalla vigilia di Natale. Questa mattina mi sono svegliata piena di immotivato ottimismo: non so come mai ma mi aspettavo il sole. Almeno un timido, pallido sole. Invece pioveva. Sto iniziando a sospettare che il sole non lo vedremo mai più. Probabilmente questa sera, sotto la doccia, mi scoprirò delle squame.

La Donna Qualunque

A volte penso: “Sono proprio una donna qualunque!” E mi intristisco.

Perché?

Mattina. Esco dalla doccia e penso che dovrei proprio mettermi a dieta, giusto un paio di chiletti prima di Natale che è il periodo più tragico dell’anno per una golosa di dolci come me.

Ecco. Accendo il pc e leggo sulla main di yahoo:

Serve aggiungere altro?

Il buon giorno si vede dal mattino

Appena dopo aver girato la chiave la mia auto mi comunica:

– Attenzione, ghiaccio.

E un secondo dopo:

– Attenzione, carburante scarso.

Mancava solo:

– Pettinata con le miccette?

Grande tentazione di tornare in casa, rimettere il pigiama e tornare a letto.

A bocca aperta al telefono

Mi chiamano per un lavoro. È una cavolata, mi assicurano, un articolino che si scrive in un’ora, praticamente a occhi chiusi. Lo faremmo noi, se avessimo tempo, ma sai com’è.

Sì, è come se io andassi a comprare una torta di mele in pasticceria e dicessi alla commessa che fare la torta di mele è una cavolata, che la farei io se avessi tempo. E che magari verrebbe anche meglio.

 

L’ottimismo è il profumo della vita

Drinnnn

Amica – Ciao Laura, come stai? Scusa se non mi faccio sentire da mesi ma aspetto un bambino ed è un inferno.
Laura – …
A – Per mesi ho passato le giornate a vomitare e a contorcermi sul divano.
L – …
A – Non riuscivo nemmeno a parlare.
L – …
A – Ho perso quattro chili.
L – Beh… ehm… però ora andrà un po’ meglio, vero?
A – Sì, un po’.
L – Bene, dài, il peggio è passato!
A – Adesso non vomito più ma la pancia pesa, ho mal di schiena, le caviglie gonfie e non riesco a dormire.
L – …
A – E tu? Non vuoi averne uno? Sbrigati, fallo subito perché più si va avanti e peggio è!

E con questa iniezione di buon umore, buona settimana a tutti!